Category Archives: Dessert VF

Le pere fantasmine

pere intagliate in fantasmi

Ottobre è il mese di Halloween. Vi ripropongo questo VisualFood creato e pubblicato nel 2010. L’idea mi è venuta di notte, a letto, come spesso succede.

Sono dei fantasmini intagliati nelle pere William. Spaventosi come ogni fantasma degno di questo nome, solo che stavolta… saremo noi a mangiare loro!

Potete utilizzare le pere fantasmine in diversi modi:

  1. come segnaposto, eventualmente aggiungendo uno stecchino con il nome dell’ospite.
  2. come centrotavola,  preparandone tanti quanto sono gli ospiti. A fine pasto invitate poi gli ospiti a mangiarli come frutta, perché come ogni VisualFood che si rispetti queste non sono solo decorazioni, ma un piatto vero e proprio.
  3. come dessert, cotte in uno sciroppo d’acqua, zucchero, vino o Marsala secco e scorze di agrumi (a piacere anche chiodi di garofano). Cuocete per pochi minuti, poi lasciate a bagno le pere nello sciroppo fino al momento di servire (devono essere completamente immerse). Prima di servire nei piatti scolate e, a piacere, farcite con pan di spagna bagnato nel liquore e mescolato con gocce di cioccolato. Servite su uno specchio di cioccolato fuso mescolato a panna fresca (così non indurisce quando raffredda. Si chiama ganache) oppure su uno zabaione leggero. Vedrete che dessert!

Per evitare che le pere anneriscano mentre le preparate, seguite i suggerimenti che vi ho lasciato nel post delle pere design.

Per creare le venature che simulano le pieghe del lenzuolo potete usare anche un coltello triangolare, se l’avete. Incidete solo leggermente la superficie, senza andare a fondo.

Un piatto sano, nutriente e dietetico anche per la merenda dei bambini e non solo per il giorno di Halloween.

Volete sapere come fare?  Basta seguire le istruzioni passo passo che vi spiego in questo video:

Al prossimo post! Rita

La pera “design” e un contest

pera intagliata

Oggi voglio farvi vedere quanto sia facile trasformare una semplice pera in un oggetto di design. Vi basta avere lo strumento giusto. In questo caso un coltello triangolare che potete acquistare anche sul nostro shop a soli 7,00€.

Scegliete delle pere belle e regolari, possibilmente con almeno una fogliolina ancora attaccata al picciolo. A me personalmente piacciono molto le Abate, ma vanno bene anche altre varietà dalla forma affusolata.

Preparatevi una ciotola con abbondante acqua e un pugno di sale in cui immergere la frutta man mano che è pronta per evitare che ossidi. Non preoccupatevi, le pere non diventeranno salate. In alternativa al sale potete usare del succo di limone spennellato direttamente sui tagli con un pennello di silicone.

Molto importante è l’impugnatura del coltello. Dovete tenerlo molto vicino alla lama triangolare, con il lato tagliente rivolto verso il pollice e il pollice che fa sempre opposizione. Per disegnare le scanalature useremo solo uno spigolo del triangolo.

come_usare_il_coltello_triangolare

Per prima cosa pratichiamo un taglio alla base della pera e asportiamo una fettina sottile. Questo per permettere alla pera di stare in piedi.

taglio_alla_base  pera con foglia

Cominciamo dall’alto e disegniamo un movimento fluido che somiglia a quello di un’onda o di una S molto allungata. Iniziamo il taglio vicino al picciolo e ruotiamo la pera mano a mano che scendiamo verso il basso, in modo che il taglio finisca un paio di centimetri più a sinistra di dove siamo partiti (se siete mancini il movimento sarà da sinistra a destra).

pera_design_intagliata_1pera_intagliata_design

Proseguite su tutta la pera, alternando una striscia di buccia a un taglio.

pera_design_intagliata_2

Mettete in acqua e sale per qualche minuto (o fino al momento dell’uso, se la preparate con qualche ora di anticipo). Prima di servire asciugate la pera.

VARIANTI

Le varianti possono essere infinite e possono riguardare il decoro sulla pera quanto il suo uso.

Ad esempio, invece delle S potremmo intagliare un’unica spirale, oppure delle spirali concentriche sui vari lati della pera,

 pera_intagliata_spirale   pera

oppure ancora tagliarla a scacchi con quadrati bianchi alternati a quadrati di buccia.

pera_a_scacchi_1 pera_a_scacchi_2 pera_a_scacchi_3

Riguardo all’uso… io ve l’ho proposta come una semplice e veloce decorazione per un vassoio di formaggi, ma potrebbe tranquillamente diventare un dessert cuocendo la pera nel vino aromatizzato con agrumi e aromi (cannella, chiodi di garofano) e zucchero oppure svuotandola dal basso con un coltello parisienne e farcendola con crema, cioccolata e pan di spagna aromatizzati con liquore (una volta cotte in uno sciroppo di zucchero o al forno).

Se cuocete la pera nel vino rosso le parti scavate prenderanno il colore del vino. Potete finire di sbucciare la pera per avere delle striature alternate bianco e rosso. La stessa cosa vale se utilizzate altri motivi, come gli scacchi, dei cerchi, dei triangoli e altri tipi di spirale.

pere_design

CONTEST

Scatenate la vostra fantasia, ragazzi e fatemi vedere cosa sapete fare! Aspetto le vostre proposte qui o sul nostro gruppone Facebook “Quelli del VisualFood“. Una giuria di 3 esperti valuterà le proposte e l’idea più originale e meglio presentata (a nostro giudizio, ovviamente) sarà premiata con un set di 18 attrezzi da intaglio dal valore di 30,00€ (o altri attrezzi per pari valore, se il kit lo avete già).

Per partecipare lasciate un commento qui sotto e pubblicate la vostra foto sul gruppo Facebook entro il 30 ottobre. Non vedo l’ora di vedere le vostre foto!

A presto, allora!

Rita

Rose di crêpes

rose di crêpes visualfood

Oggi vi mostro un esempio di dessert VisualFood, ovvero un piatto vero e proprio ad alto impatto visivo.

Questa ricetta fa parte del menu con cui ho partecipato al libro di Roberta D’AnconaCucina Italiana 2.0 – Dal web ai fornelli in 100 ricette“.

copertina libro Cucina Italiana 2.0

Nel menu ci sono anche un antipasto di pere con taleggio e noci, un risotto ai carciofi e un secondo di pesce, il tutto ovviamente in chiave “visual”!

Il libro di Roberta è molto interessante perché fa un’analisi storico-sociologica del passaggio dalla cucina domestica al mondo dei blog e da tanti consigli a chi vuole cimentarsi in un’avventura del genere. Sono molto contenta di essere stata prescelta da Roberta per collaborare al suo libro.

Veniamo ora alla ricetta e alle istruzioni passo passo per realizzare queste fantastiche rose di crêpes VisualFood®.

Continua a leggere

Rose di fragola per la festa della mamma

cestino di limone con rose di fragola

Oggi voglio presentarvi, cari amici VisualFoodies, un visual-dessert per la festa della mamma.

Si tratta di un cestino di pompelmo ripieno di crema al limone e decorato con deliziose roselline di fragola. Sia il cestino che le rose sono molto semplici da realizzare, a patto di avere coltelli ben affilati.

Vi lascio al video e auguro a tutte le mamme una felice festa!